Torna indietro

Avanti. Perché l'Italia non si ferma

Avanti. Perché l'Italia non si ferma
13,60 -15%   16,00 

Ordina ora per riceverlo mercoledì 13 dicembre. 

27 punti carta PAYBACK
Libro:
240 Pagine
Editore:
Feltrinelli
Pubblicato:
12/07/2017
Isbn o codice id
9788807173134

Descrizione

Dice di questo suo libro, AvantiMatteo Renzi: "Scrivo per tanti motivi. Perché penso che un personaggio pubblico abbia il dovere di andare oltre i 140 caratteri ed esporre le sue idee in modo meno incompiuto che su un post. Perché penso si debba essere trasparenti e sviscerare punto per punto gli argomenti che hanno segnato la tua esperienza o – più banalmente – le critiche che ti hanno fatto: referendum, aereo di stato, banche, JobsAct. Ma anche e soprattutto perché credo che l’esperienza che è nata intorno a me e al mio governo sia un’esperienza unica. Siamo persone semplici, senza vitalizio ma con grande vitalità e voglia di cambiare l’Italia. Di mandarla avanti."

È stato l’uomo chiave della politica italiana degli ultimi anni. Ha guidato un governo che ha varato molti provvedimenti di riforma, e per una riforma istituzionale è caduto. Ha ottenuto grandi risultati elettorali, poi una bruciante sconfitta. Si è dimesso da presidente del Consiglio e da segretario del suo partito, per poi riprendere la guida del Pd vincendo le primarie dell’aprile 2017. Matteo Renzi torna in libreria con il suo libro più importante: quello della resa dei conti con l’esperienza più forte per un politico – il governo del suo paese. Cosa è successo nei mille giorni da presidente del Consiglio? Come li ha vissuti l’uomo politico, ma anche il marito, il padre, il giovane di Rignano sull’Arno? Cosa si capisce dell’Italia, dell’Europa, del mondo, stando a Palazzo Chigi? Cosa si scopre affrontando in prima persona le emergenze internazionali, i disastri e le tragedie, gli scandali e le polemiche mediatiche? E cosa si impara su di sé, sui propri amici, i propri nemici? Un racconto onesto e appassionato, in cui Renzi parla della difficoltà di cambiare le cose in Italia, ma anche dell’orgoglio di averci provato. Guarda in faccia gli errori di valutazione, i passi falsi, ma anche i risultati di cui è fiero, i momenti di soddisfazione. Critica gli avversari politici e denuncia certe perverse dinamiche del mondo dei mass media, ma ricorda con emozione gli incontri che danno un senso diverso alla politica, i risultati concreti ottenuti lontano dai riflettori e dalle telecamere.
E su ogni tema, dall’Europa al ruolo della sinistra, dall’economia alla cultura, dalla sicurezza alla politica estera, il racconto dell’esperienza di governo, ricco di aneddoti e retroscena inediti, si accompagna alla voglia di progettare il futuro, di guardare avanti.

Matteo Renzi nasce a Firenze, nel gennaio del 1975, e cresce a Rignano sull’Arno. Vive l’esperienza scout, di cui si porterà dietro la voglia di giocare e di “lasciare il mondo un po’ migliore di come lo abbiamo trovato” (Baden-Powell). Nel settembre del 1999 si sposa con Agnese, studentessa di Lettere, oggi insegnante nei licei fiorentini, e si laurea in Giurisprudenza. Ha tre figli. Nel frattempo è stato segretario provinciale del Ppi e coordinatore della Margherita fiorentina. Nel 2004 viene eletto presidente della Provincia di Firenze. Nel 2009 diventa sindaco di Firenze. Nel 2013 vince le primarie, che aveva invece perso nel 2012, e diventa segretario del Pd. Dal 2014 al 2016 è stato presidente del Consiglio. Dal maggio 2017 è di nuovo segretario del Pd.