Torna indietro

L'abbazia dei cento inganni

L'abbazia dei cento inganni
8,41 -15%   9,90 

Ordina ora per riceverlo martedì 21 novembre. 

17 punti carta PAYBACK
Rilegato:
345 Pagine
Editore:
Newton Compton
Pubblicato:
23/06/2016
Isbn o codice id
9788854191310

Descrizione

L’abbazia dei cento inganni è un romanzo giallo-thriller di Marcello Simoni, autore di Il mercante di libri maledetti e tanti altri grandi successi ambientati nell’Italia medievale, in particolare nella scenografica area del ferrarese tra il Delta del Po e l’abbazia di Pomposa.

Dunque eccoci trasportati nel Medioevo, a metà del XIV secolo. Una spaventoso  corteo apocalittico nella foresta fuori le mura di Ferrara è il primo indizio dell’enigma su cui dovranno indagare il cavaliere Maynard de Rocheblanche e la Santa Inquisizione. Il mistero ha tutta l’aria di celare una cospirazione nei confronti del marchese di Ferrara, Obizzo d’Este, ma a complicare le cose si aggiunge il fatto che Maynard è anche conosciuto come il guardiano del Lapis Exilii,la Pietra dell'Esilio, preziosissima reliquia di Cristo che fa gola a molti...

Simoni è un bravo alchimista della narrazione, capace di miscelare un’avvincente trama da thriller, l’evidente riferimento all’Umberto Eco del Nome della Rosa (ma alleggerito dall'erudizione per dar spazio alla suspense), la profonda conoscenza storica dei luoghi d’ambientazione. Così, nel intreccio, Simoni inserisce abilmente sia elementi autentici (oltre ai luoghi descritti sono esistiti davvero anche Obizzo d’Este, la marchesa Lippa Ariosti e diversi altri personaggi) alla finzione (l'intrepido Maynard, la figura di suor Eudeline).

Con L’abbazia dei cento inganni, Simoni conferma di essere il miglior autore italiano di un genere che sa intrattenere la fantasia insegnando anche la storia. Leggerlo fa venir voglia di andar a visitare la splendida abbazia di Pomposa, scenario dei romanzi della trilogia, e di attendere con impazienza un prossimo romanzo dello stesso genere, un altro viaggio nel tempo.

Marcello Simoni, nato nel 1975 a Comacchio, piccola capitale del Delta del Po, in provincia di Ferrara. Prima di diventare un mago della narrativa thriller storica, Simoni si è laureato in lettere e poi ha intrapreso due mestieri che avrebbero avuto molto peso nella sua successiva professione di scrittore: l’archeologo e il bibliotecario.
All’inizio pubblica alcuni saggi dedicati per lo più alla storia e all’arte medievale della zona del Delta. Il grande successo però arriva con il romanzo d’esordio, Il mercante di libri maledetti, best seller vincitore del premio Bancarella 2012, e con i successivi gialli e thriller ambientati soprattutto nel XIII e XIV secolo (ma non solo, Simoni se vuole spazia dal '500 al secolo scorso). Il mercante apre una trilogia con La biblioteca perduta dell'alchimista e Il labirinto ai confini del mondo. Nel 2014 Simoni dà il via a una nuova serie di grande popolarità, la Millenarius Saga, di cui questo romanzo fa parte insieme a L’abbazia dei cento peccati e L’abbazia dei cento delitti.