Torna indietro

La vigna di Angelica. Ediz. illustrata

La vigna di Angelica. Ediz. illustrata
16,91 -15%   19,90 

Ordina ora per riceverlo martedì 28 novembre. 

34 punti carta PAYBACK
Rilegato:
484 Pagine
Editore:
Sperling & Kupfer
Pubblicato:
28/04/2015
Isbn o codice id
9788820058272

Descrizione

Lunghi filari di viti si adagiano sui morbidi pendii di Borgofranco. Da due secoli la famiglia Brugliani è proprietaria di quell'antico borgo e di quelle vigne, curate con pazienza per trarne vini pregiati e inimitabili. A trentacinque anni, Angelica è l'erede della tradizione e del patrimonio famigliare. Madre, moglie, imprenditrice di successo: tutto sembra perfetto nella sua vita. Solo lei sa che dietro quella facciata si nasconde una zona d'ombra, fatta di menzogne - quelle del marito - e di sogni infranti. Una sera, mentre è in sella alla sua moto, l'amarezza e i pensieri pesanti prendono il sopravvento e Angelica, in preda al pianto, non si accorge che l'auto di fronte a lei sta frenando. L'urto è molto violento, ma per fortuna privo di conseguenze gravi, sia per lei sia per il conducente dell'automobile, Tancredi D'Azaro. Angelica non sa ancora che quel nome è sinonimo di alta cucina in tutto il mondo. Ed entrambi ignorano che, dopo quell'incontro fugace, il destino tornerà a intrecciare le loro strade, suscitando la tentazione di un nuovo inizio. Magari da vivere insieme, chissà: starà a loro scegliere, facendo i conti con il peso del passato e le responsabilità del presente, con il desiderio di cambiare e quell'istinto passionale che li anima. Perché la vita è fatta di sogni in cui perdersi e scelte in cui ritrovarsi, incontri che ci cambiano e passioni che ci riportano sulla strada di casa.

La nostra recensione

Il primo romanzo di Sveva Casati Modignani, Anna dagli occhi verdi, nel 1981 fu subito accolto da un grande successo di pubblico e ridiede vigore in Italia a un genere di letteratura popolare che aveva già illustri precedenti negli anni Trenta e Cinquanta del Novecento ma che solo in quegli ultimi anni, anche grazie alla spinta di esempi simili che venivano da Oltreoceano, conquistò il grande pubblico. Una narrativa al femminile, genericamente definita “popolare” per indicare facilità di lettura, ambientazioni e temi “accattivanti”, assimilabili alla cronaca rosa dalla quale per altro traevano spunto e ispirazione. La ricetta, ora come allora, è assai semplice e le ragioni di tanto successo sono altrettanto facilmente comprensibili. Sveva Casati Modignani scrive per il pubblico romanzi con un’ambientazione suggestiva e riconoscibile, con trame ricche e dense, che ritraggono la realtà famigliare italiana, dipingendo affreschi generazionali che seguono le trasformazioni della nostra società con un occhio di riguardo nei confronti delle donne. Nemmeno La vigna di Angelica si sottrae a questa consolidata struttura narrativa, sulla quale poi la bravura dell’autrice sa costruire le più svariate e intriganti vicende. Il nuovo romanzo di Sveva Casati Modignani è una saga famigliare che ruota intorno al matrimonio, ai sentimenti, al successo, ai tradimenti e ai misteri di una grande famiglia di imprenditori, i Brugliani, proprietari da due secoli del borgo e delle vigne che crescono sui pendii che lo circondano. Sveva Casati Modignani ci racconta una storia italiana dei giorni nostri in compagnia di uomini intraprendenti e solidi, donne determinate e affascinanti, in grado di reggere le sorti della famiglia anche nei momenti più turbolenti. Per il lettore non mancheranno le sorprese, i colpi di scena, quegli squarci narrativi nella trama che Sveva Casati Modignani sa inserire con grande maestria e che la rendono amatissima dal suo vasto pubblico.

 

Antonio Strepparola