Torna indietro

Adultèri, delitti e filologia. Il caso della baronessa di Carini

Adultèri, delitti e filologia. Il caso della baronessa di Carini
16,00

Ordina ora per riceverlo lunedì 4 ottobre. 

32 punti carta PAYBACK
Brossura:
160 Pagine
Editore:
Il Mulino
Pubblicato:
06/10/2010
Isbn o codice id
9788815139474

Descrizione

La televisione ha reso popolare il caso della baronessa di Carini, una storia di amore e morte che si basa su un parricidio consumato a Carini, vicino Palermo, nel 1563. La vicenda è narrata in un poemetto di tradizione popolare,apparso a stampa solo nel 1870 e molte volte ripreso fino a Pasolini. La giovanissima baronessa cede al suo corteggiatore, è sorpresa e uccisa dal padre per lavare l'onore della famiglia. Il padre assassino ottiene il perdono divino solo dopo una durissima penitenza. Così la poesia. A un'attenta ricerca la realtà risulta però completamente diversa. La baronessa non era una ragazza innocente, aveva diversi figli, anche dall'amante. Il marito e il padre di lei facevano finta di non notare la tresca, di cui in realtà sapevano tutto. Il delitto fu premeditato. Piuttosto che di lavare l'onore, si trattava forse di non pagare dei debiti contratti con l'amante. Una turpe vicenda nella più alta nobiltà dell'isola. Altrettanto sorprendente si rivela la vicenda filologica: il testo del 1870 e le riprese successive non sono altro che un falso, un'operazione di ricucitura di testi orali fatta dall'editore.