Torna indietro

Altro mondo (Un)

Altro mondo (Un)
15,20 -5%   16,00 

Ordina ora per riceverlo venerdì 27 maggio. 

30 punti carta PAYBACK
Libro:
262 Pagine
Editore:
Feltrinelli
Pubblicato:
26/03/2009
Isbn o codice id
9788807702044

Descrizione

Andrea conduce una vita ai limiti dell'insignificanza e del torpore morale insieme alla compagna Livia, problematica e anoressica. E idolatrato dall'amico Tommaso, pianista di talento diviso fra jazz e Beethoven. Poi arriva una lettera: il padre, sparito in Kenya moltissimi anni prima, sta morendo. C'è ancora il tempo per accomiatarsi da lui come un vero figlio. Il padre è in ospedale e Andrea fa appena in tempo a sentirne la stretta della mano. Combattuto fra pietà e risentimento, Andrea sta per tornare in Italia quando gli viene presentato suo fratello, il figlio che il padre ha avuto da una donna keniota: Charlie. Reazione: rifiuto, negazione. Piuttosto che portarlo con sé, Andrea è pronto a pagare un collegio e a rintracciare, dopo un avventuroso viaggio nell'interno del paese, i nonni kenioti che, in verità, hanno maledetto e bandito la memoria della figlia. Charlie è di pochissime parole ma fra i due cresce - faticosamente, conflittualmente, come in un disegno più grande di loro - una simpatia, un rapporto. Fratello-padre, Andrea finisce con il portare Charlie in Italia. E qui la fatica ricomincia, Charlie è un diverso ma soprattutto è un bambino che ha conquistato il cuore di Andrea. Livia capisce che tutto è cambiato. Tommaso non accetta che tutto sia cambiato. Lo stesso Andrea sa che deve giocare il tutto per tutto. Da una parte c'è la carriera, il successo professionale, dall'altra la tentazione di impegnare gli affetti e puntare su una vita nuova.

La nostra recensione

Può una lettera cambiare la vita di una persona? "E poi una lettera. (...), Caro Andrea su quella lettera, parole su quella lettera, una firma su quella lettera, (...), le mani su quella lettera, le mani su quella firma". Quando l'effetto è questo, la vita viene svuotata dalle certezze che si credevano di avere. E si ricomincia tutto.
È quanto succede ad Andrea e a Livia, magistralmente diretti nelle parole, nei gesti e nei pensieri da Carla Vangelista. Il suo ultimo libro "Un altro mondo" si fa divorare, come i leoni nella savana non lasciano scampo alla preda di turno. E mentre lo si legge, non si può fare a meno di immaginarne le scene sul grande schermo. Perché Carla Vangelista è colei che ha scritto, insieme a Silvio Muccino, "Parlami d'amore". E la trasposizione cinematografica di "Un altro mondo" è d'obbligo.
La lettera in questione chiama, l'Africa chiama. Andrea risponde. I profumi e i colori non si fanno attendere. E sconvolgono la vita dei protagonisti. Livia e Andrea e "il suo rifiuto costante e testardo - almeno quanto quello di lei - di permettere alla parola "amore" di contaminare il loro rapporto". Del resto Andrea non è altro che il "socio di letto" di Livia.
Quella che sembra una discesa all'inferno sarà la risalita dei protagonisti. Grazie ad un bambino, " (...) roba forte. E viene via con te". Charlie, sette anni. Il lascito di un padre mai conosciuto, ma trovato con la lettera, in fin di vita. "Ciao, uomo. Ciao, malato. Ciao, moribondo. Ciao, vecchio stronzo. Ciao, papà".
La rabbia, la paura, il disorientamento, lasciano il posto a nuovi sentimenti. Attraverso depurazioni del corpo e dell'anima. Tutti rinascono. E diventano, agli occhi dei "Loro", diversi, "e la gente si sente minacciata dalle persone diverse. Perché li costringono a fare i conti con loro stessi, con la loro vita". Giunge sempre il momento di fare delle scelte. Che feriscono gli altri, a volte. Ma che, spesso, sono la salvezza di tutti. Valeria Merlini