Torna indietro

Che. Una leggenda del secolo (Il)

Che. Una leggenda del secolo (Il)
15,20 -5%   16,00 

Ordina ora per riceverlo martedì 11 ottobre. 

30 punti carta PAYBACK
Libro:
692 Pagine
Editore:
Feltrinelli
Pubblicato:
01/01/2003
Isbn o codice id
9788807817434

Descrizione

Questa biografia si basa su una lunga ricerca durata cinque anni, su un'analisi rigorosa delle fonti, molte delle quali inedite, e sulle testimonianze di chi conobbe il Che. In un libro che è contemporaneamente un saggio, racconto d'avventure, giallo, Kalfon, con una scrittura giornalistica e letteraria allo stesso tempo, fa emergere un'immagine del Che inedita che va oltre gli stereotipi, per consegnarci la storia di un uomo collocato nel suo tempo, nella sua famiglia, nella sua malattia, che tanta parte ebbe nel forgiare il suo carattere e che così profondamente influenzò le sue scelte di vita. In pagine appassionate e ricche delle testimonianze di chi conobbe veramente quest'uomo straordinario, Kalfon traccia i momenti fondamentali della biografia del Che: l'infanzia argentina del ragazzino asmatico, i lunghi viaggi in America Latina con gli amici, le mille attività di studente, l'incontro con Castro, l'epopea della lotta armata a Cuba, l'esercizio del potere, e poi, inaspettatamente, il Congo e la Bolivia, il disastro, la morte. E Kalfon offre chiavi di lettura inedite, a volte clamorose, per le molte domande che la figura del Che suscita: perché un uomo neanche quarantenne decide di abbandonare la costruzione del socialismo, la famiglia, Fidel, per perdersi in un'avventura disperata? E' stata la generosità del rivoluzionario, una pulsione suicida o una morte già decretata dal potere cubano?
"'Che' è l'interiezione caratteristica della parlata argentina familiare, che si usa per interpellare, per attirare l'attenzione dell'interlocutore. A seconda dell'intonazione e delle circostanze 'che', che è termine confidenziale, può significare mille cose: ehilà, salve, dimmi, davvero?!, impossibile e così via. A volte al limite del volgare, 'che' distingue la popolazione del Río de la Plata dagli altri ispanofoni. Con questo nomignolo i cubani castristi hanno designato fin da principio il giovane medico argentino che aveva aderito alla loro causa."