Torna indietro

Che palle 'sti stereotipi. 25 modi di dire che ci hanno incasinato la vita

Che palle 'sti stereotipi. 25 modi di dire che ci hanno incasinato la vita
17,10 -5%   18,00 

Ordina ora per riceverlo giovedì 27 giugno. 

34 punti carta PAYBACK
Brossura:
336 Pagine
Editore:
Fabbri
Pubblicato:
19/09/2023
Isbn o codice id
9788891589774

Descrizione

Le parole che usiamo non servono solo a descrivere la realtà ma influenzano inconsapevolmente anche i nostri pensieri e determinano quindi i nostri comportamenti. Occuparsi delle parole vuol dire soprattutto prendersi cura di sé e della propria mente. E non esistono cose più urgenti di dedicarci a noi e al rapporto con le altre persone. Questo viaggio ironico e al contempo molto serio ci porta, attraverso venticinque modi di dire che spesso usiamo inconsapevolmente, all'interno di una società ancora troppo maschilista, nella quale le donne troppo spesso mettono in atto comportamenti auto-sabotanti. Sono parole "di seconda mano", che utilizziamo senza compiere una vera e consapevole scelta, sono parole non nostre ma che, nel momento in cui le pronunciamo, dicono tanto anche di noi, di chi siamo, di cosa (senza rifletterci) pensiamo e di come ci comportiamo. Grazie alle riflessioni di Nacci e Pettolino Valfrè, impariamo a riscrivere la nostra voce interiore, a disinnescare i nostri automatismi in modo che, quando staremo per esclamare a una donna: "Hai proprio le palle!", ci verrà da ridere ripensando a cosa vuol dire, a quanto sia assurdo, e ci porterà a domandarci: "Sono veramente io che sto scegliendo questi termini?", "Chi è la padrona o il padrone della mia mente?" e ancora: "Posso amare le parole che ho detto?".