Torna indietro

Chiassovezzano. Una casa e una famiglia temeraria in tempo di guerra

Chiassovezzano. Una casa e una famiglia temeraria in tempo di guerra
17,10 -5%   18,00 

Ordina ora per riceverlo venerdì 31 maggio. 

34 punti carta PAYBACK
Brossura:
204 Pagine
Editore:
Bompiani
Pubblicato:
17/01/2024
Isbn o codice id
9788830108226

Descrizione

Nella Trieste della metà del Novecento quella dei Dorfles è una delle tante famiglie ebraiche assimilate, intensamente partecipe della vita culturale e civile della città. Giorgio - futuro padre di Piero - si converte e sposa Alma, e con lei rimane in città cercando di svolgere il suo lavoro di avvocato. Anche Gillo, con la moglie Lalla, continua la sua vita di viaggi e di incontri, ma si ritira in Toscana, perché le leggi razziali, la cui promulgazione Mussolini sceglie di annunciare proprio a Trieste, impediscono ai Dorfles di svolgere il loro lavoro. Nel 1943, con l'armistizio e l'occupazione militare tedesca, la fuga si fa inevitabile. E da quel momento che la tenuta di Chiassovezzano, nel comune di Lajatico, tra Pisa e Volterra, diventa il rifugio di questa particolare famiglia. Piero Dorfles - il cui cognome ha perso la Umlaut durante le vicissitudini narrate nel libro - sceglie di rievocare quei mesi terribili attraverso il racconto della casa di Chiassovezzano, delle sue stanze piene di storia e di storie, del suo giardino, degli scantinati usati come rifugi antiaerei, della pantera nera che ne è il simbolo un po' misterioso: perché ogni cosa, in quel luogo, parla di chi lo ha scelto e abitato. "Ma nessun eroismo, in famiglia. Sconsideratezza, una buona dose di incoscienza. Il termine che mi sembra più adatto è quello di temerarietà."