Torna indietro

Confesso che ho vissuto. Esistenza inquieta di un perdente di successo

Confesso che ho vissuto. Esistenza inquieta di un perdente di successo
15,40 -30%   22,00 

Ordina ora per riceverlo martedì 26 gennaio. 

31 punti carta PAYBACK
Rilegato:
551 Pagine
Editore:
Marsilio
Pubblicato:
17/05/2018
Isbn o codice id
9788831710978

Descrizione

Dopo "La modernità di un antimoderno", che raccoglie gli scritti storico-filosofici di Massimo Fini, pubblichiamo qui i tre libri più personali dell'autore: "Di[zion]ario erotico. Manuale contro la donna a favore della femmina", "Ragazzo. Storia di una vecchiaia", "Una vita". Un libro per tutti. O per nessuno. Arricchisce il volume una lunga introduzione, una sorta di confessione su delle confessioni, al cui centro c'è il Tempo, il padrone inesorabile delle nostre vite, che è l'autentica ossessione di Fini. Questa raccolta chiarisce non solo la controversa e per certi versi deviante personalità di uno dei più singolari intellettuali italiani del nostro tempo, ma anche il suo altrettanto deviante pensiero. Come ha detto Renzo Arbore: «Fini è uno che guarda sempre da un'altra parte».