Torna indietro

«Dio mi ha preso per mano». Dalla Calabria a Torino alla ricerca della felicità. La storia di un ragazzo che diventa diacono permanente

«Dio mi ha preso per mano». Dalla Calabria a Torino alla ricerca della felicità. La storia di un ragazzo che diventa diacono permanente
14,25 -5%   15,00 

Ordina ora per riceverlo giovedì 26 maggio. 

28 punti carta PAYBACK
Brossura:
176 Pagine
Editore:
Effatà
Pubblicato:
07/11/2020
Isbn o codice id
9788869296499

Descrizione

«Amico degli orfani, delle persone devote, delle vedove, fervente nello spirito, amante del bene». Così i Padri della Chiesa nei primi secoli definiscono il diacono. «Anello di congiunzione o ponte di collegamento tra il vescovo, i presbiteri e i laici» lo chiama un padre della Chiesa del XX secolo, padre Michele Pellegrino, cardinale arcivescovo di Torino. Nella storia di questa istituzione si inserisce Benito Cutellè, un calabrese che negli anni del «miracolo economico» approda a Torino dove, insieme alla carriera professionale e alla vita familiare, si dedica agli altri e al diaconato. I diaconi, come Benito, si lasciano «prendere per mano da Dio»; si impegnano a elargire la sua Parola e a diffondere il suo Regno tra quanti non lo conoscono o se ne sono allontanati; aiutano gli uomini e le donne di oggi a riprendere il dialogo con il Signore. Tra le sue numerose esperienze diaconali primeggiano l'evangelizzazione dei pescatori a Mergellina (Napoli) e la «Mensa del povero» in una parrocchia torinese. Questo volume vuole rendere testimonianza dell'enorme bene che i diaconi permanenti fanno alla Chiesa, alla società, alla città.