Torna indietro

Discorsi per la democrazia

Discorsi per la democrazia
14,23 -5%   14,98 

Ordina ora per riceverlo lunedì 28 settembre. 

28 punti carta PAYBACK
Libro:
296 Pagine
Editore:
Mondadori
Pubblicato:
01/01/2001
Isbn o codice id
9788804494201

Descrizione

Quando, nel 1994, Silvio Berlusconi si dimise dalle cariche ricoperte nelle imprese che aveva fondato e decise a sorpresa di "scendere in campo", non molti avrebbero scommesso sulla sua possibilità di diventare immediatamente il maggior protagonista della vita politica italiana. Nell'arco di poche settimane dalla nascita di Forza Italia, Berlusconi sbaragliò la sinistra e tutti i vecchi partiti del centro, vincendo le elezioni e conquistando la presidenza del Consiglio.
L'esperienza fu interrotta dagli intrighi di Palazzo, dalla aggressione della sinistra giudiziaria, dal cambiamento di campo della Lega. Ma Berlusconi ha mantenuto e poi accresciuto il suo consenso nel Paese. Cosa si nasconde al fondo di questo favore popolare di cui ha goduto ieri e gode ancor più oggi il Cavaliere nonostante sia stata scatenata contro di lui la più vasta e imponente campagna di denigrazione, di demonizzazione e di attacchi giudiziari della nostra storia politica? Certamente tra i fattori che stanno alla base di quel consenso si trova anche una qualità rara, specie in politica: la coerenza. All'interno di un Palazzo dove il contorsionismo e il funambolismo sono una tentazione a cui nessuno sembra sfuggire, il leader di Forza Italia è riuscito a mantenersi fedele ai suoi principi, ai suoi valori e a un programma che, con fermezza e convinzione, ha costantemente riproposto ai suoi interlocutori diretti e indiretti. Per Silvio Berlusconi, la prima regola morale della democrazia è il rispetto della volontà degli elettori e il diritto dei cittadini di vedersi rappresentati fedelmente in Parlamento.