Torna indietro

Esserci. Un testo dzogchen riscoperto di Nuden Dorje intitolato «Lo specchio del chiaro significato»

Esserci. Un testo dzogchen riscoperto di Nuden Dorje intitolato «Lo specchio del chiaro significato»
12,35 -5%   13,00 

Ordina ora per riceverlo venerdì 2 luglio. 

25 punti carta PAYBACK
Brossura:
152 Pagine
Editore:
Astrolabio Ubaldini
Pubblicato:
01/01/2005
Isbn o codice id
9788834014585

Descrizione

Nel buddhismo la mente è considerata la causa di tutti i nostri problemi, ma anche il luogo privilegiato del loro dissolvimento. James Low legge il testo del tema "Lo specchio del chiaro significato" come un commento profondo a quella duplice concezione della mente, partendo da uno spostamento radicale di angolazione: "mente", nel buddhismo, può significare qualcosa di più e di diverso da ciò che si intende comunemente con questo concetto, ossia non tanto il complesso delle facoltà psichiche intellettive, volitive, affettive, e neppure l'identità individuale, ma il senso dell'esserci, la consapevolezza dell'esistere che precede ogni identificazione specifica con una personalità definita da un nome, da un passato, e da una proiezione nel futuro.