Torna indietro

Geografia come immaginazione. Tra piacere della scoperta e ricerca di futuri possibili

Geografia come immaginazione. Tra piacere della scoperta e ricerca di futuri possibili
18,05 -5%   19,00 

Ordina ora per riceverlo lunedì 2 agosto. 

36 punti carta PAYBACK
Libro:
144 Pagine
Editore:
Donzelli
Pubblicato:
18/03/2021
Isbn o codice id
9788855221634

Descrizione

Serve ancora la geografia? Quale senso può avere, oggi, la pretesa di fissare un territorio in una rappresentazione, di «cartografarlo»? E a cosa serve la geografia? A descrivere i luoghi su cui gli uomini «appoggiano» il loro agire, o a raccontarne le interazioni, e indagarne la storia? A fissare e legittimare lo status di quei luoghi, o a contribuire al loro cambiamento? In questo aureo libretto, che raccoglie in alcuni brevi e folgoranti saggi il percorso esemplare di quello che a buon diritto può essere considerato il più autorevole rappresentante italiano della geografia attiva, emerge una concezione della Terra in cui biosfera e sfera socio-culturale interagiscono all'interno di un medesimo sistema complesso, operando ciascuna secondo le proprie modalità. Ciò significa che, a tutti i livelli territoriali, possiamo fare scelte sbagliate, che alterano le condizioni biologiche e sociali del pianeta e che presto o tardi finiranno per ritorcersi sulle condizioni di vita dei sistemi locali. Postfazione di Arturo Lanzani.