Torna indietro

Giovanni Boccaccio. Tra letteratura «cortese» e letteratura «popolare»

Giovanni Boccaccio. Tra letteratura «cortese» e letteratura «popolare»
13,30 -5%   14,00 

Ordina ora per riceverlo mercoledì 3 febbraio. 

27 punti carta PAYBACK
Brossura:
184 Pagine
Editore:
Solfanelli
Pubblicato:
29/03/2018
Isbn o codice id
9788833050591

Descrizione

La critica letteraria italiana, a proposito del "Decameron" di Boccaccio, si è polarizzata intorno a due opposte posizioni. Da un lato, quella di Vittore Branca, che ha rinvenuto nell'opera l'«epopea dei mercatanti». Dall'altro, quella di Michelangelo Picone, che ha individuato in essa la riproposizione del modello dantesco, improntato all'esaltazione dei valori cortesi e cavallereschi. In mezzo, l'interpretazione di Giuseppe Petronio, che, superando la «logomachia definitoria», ha cercato di cogliere i veri connotati del «realismo» che domina il Certaldese e il suo capolavoro, strettamente legato al suo tempo, visto nella complessità che lo caratterizza, al di là di ogni schematismo. Il presente volume si propone di proseguire lungo questa linea contrassegnata dall'analisi articolata dei fenomeni letterari, colti nel loro rapporto con i «contesti», nell'unità inscindibile tra «forma» e «contenuto», che sta alla base delle grandi opere, arricchendo il metodo critico specifico della disciplina con l'apporto vivificante di altre (antropologia, sociologia, psicanalisi).