Torna indietro

«Giuseppe e i suoi fratelli». Per un'etica della fratellanza fra utopia e riscatto

«Giuseppe e i suoi fratelli». Per un'etica della fratellanza fra utopia e riscatto
23,75 -5%   25,00 

Ordina ora per riceverlo mercoledì 7 luglio. 

48 punti carta PAYBACK
Brossura:
320 Pagine
Editore:
Universitas Studiorum
Pubblicato:
03/11/2020
Isbn o codice id
9788833691039

Descrizione

"Fratellanza" è una parola dai chiari rimandi al lessico religioso e che ha conosciuto discontinui successi come categoria politica senza mai tradursi in una efficace azione sociale. E una parola che non è stata così incisiva da scalfire le derive dell'individualismo esasperato, dell'indifferentismo etico. Se il racconto di Genesi "Giuseppe e i suoi fratelli" e la narrazione romanzata di Thomas Mann svelano il "dramma" della negazione della fratellanza, il contrappunto offerto dalla riflessione del filosofo ebreo di lingua tedesca Martin Buber la presenta come il principio regolatore della libertà e della uguaglianza. Se vissuta fraternamente, la libertà non diventa l'arbitrio del più forte e l'uguaglianza non degenera in un egualitarismo opprimente. Quindi è un principio che tanto più è stato dimenticato, tanto più si rivela come essenziale a realizzare il progetto mancato della modernità, ovvero di un sistema politico inclusivo e democraticamente aperto alle istanze di ciascuno. Pensare la fratellanza come l'ethos di una comunità permette di rintracciare le modalità attraverso cui la disposizione verso l'altro come prossimo e come fratello può ri-convertire odii e conflitti.