Torna indietro

Globangolo fu il viro e accipiglioso. Incognite del Covid

Globangolo fu il viro e accipiglioso. Incognite del Covid
9,50 -5%   10,00 

Ordina ora per riceverlo venerdì 29 gennaio. 

19 punti carta PAYBACK
Brossura:
64 Pagine
Editore:
Luca Sossella Editore
Pubblicato:
27/01/2021
Isbn o codice id
9788832231632

Descrizione

La raccolta dal sottotitolo provvisorio (come tutto a questo mondo) "Incognite dal Covid" contiene 25 poesie scritte tra l'aprile e l'agosto 2020. Si tratta di composizioni in endecasillabi, in quartine a rime alternate, scritte in un italiano oscuro, con reminescenze di un implausibile latino maccheronico, nel quale si innestano a tratti espressioni correnti, spesso e volentieri straniere, fino a comporre una sorta di inaudito "grammelot" ovvero un sistema che si riconosce nella nostra lingua e ne segue il ritmo ricomponendosi in un flusso multilinguistico arbitrario ma che non perde mai il significato. Il centro dell'argomentazione poetica è la pandemia, il registro è satirico. Si intrecciano all'interno ispirazioni e tonalità diverse, come se nella poesia rifluissero voci differenti: il tono è profetico, indignato, smarrito, succube, stralunato. A fianco, a contrasto con il cuore poetico della raccolta, le note, scritte da un'altra mano (quella saccente, dispettosa e trombonesca del prof. Puntigli* sono quanto di più cervellotico, prosaico e anti-poetico si possa immaginare. L'effetto è catastrofico e comico. Molta poesia oggi fa piangere. Con queste si ride.