Torna indietro

Gorgia

Gorgia
10,45 -5%   11,00 

Ordina ora per riceverlo lunedì 15 marzo. 

21 punti carta PAYBACK
Tascabile:
320 Pagine
Editore:
Bur Biblioteca Univ. Rizzoli
Pubblicato:
07/09/1994
Isbn o codice id
9788817169912

Descrizione

L'"attualità" di un testo letterario composto molti secoli fa può assumere forme diverse: interesse storico, suggestione artistica, allusione simbolica. In certi casi però la modernità di un'opera classica non ha bisogno di essere ricercata e definita, perché si rivela da sé, per una sorta di intuizione immediata, e viene riconosciuta istantaneamente dalla coscienza.
Quando ciò accade, è come se un arco voltaico scattasse, capace di superare con la velocità del lampo un intervallo di secoli: il risultato è un'impressione profonda, e la consapevolezza, conturbante e insieme consolatoria, che l'universo morale e immaginario della mente contemporanea si compone di materiali elaborati da una millenaria riflessione. Forse per nessun dialogo di Platone questa categoria della modernità vale come per il "Gorgia".
Nei primi anni '40 Eric Dodds leggeva "Gorgia" ai suoi studenti di Oxford, e vi individuava la denuncia delle tecniche della propaganda hitleriana, e in generale dei pericoli insiti nella comunicazione di massa. Ma anche per i lettori di oggi il dialogo ha l'evidenza di una parabola e la densità di una premonizione: che cos'è la retorica di cui è maestro Gorgia se non la ricerca esasperata del consenso - a noi tutti così familiare - nella politica, ma anche nell'arte e nella cultura? Dietro queste 'techne', attraverso un subitaneo passaggio di piani temporali, non intravediamo la televisione, con la stessa arrogante tendenza all'autocelebrazione e la stessa corrosiva pretesa di indifferenza morale? Il dibattito - così spesso evocato nel "Gorgia" - fra il musico Anfione e il pastore Zeto, non è lo stesso, attualissimo, dilemma fra ricerca della verità e ricerca del successo? E il nostro affannoso tentativo di individuare "regole" di comportamento non è la conseguenza della nostra rinuncia a quella norma universale che Platone - nel mito finale - addita come unica bussola possibile nella navigazione della vita?
Edizione con testo greco a fronte.