Torna indietro

Identità perdute. Globalizzazione e nazionalismo

Identità perdute. Globalizzazione e nazionalismo
14,25 -5%   15,00 

Ordina ora per riceverlo lunedì 31 gennaio. 

28 punti carta PAYBACK
Brossura:
136 Pagine
Editore:
Laterza
Pubblicato:
17/01/2019
Isbn o codice id
9788858134061

Descrizione

La globalizzazione ha messo in crisi l'identità - oltre che la stabilità economica - di milioni di persone. E un problema che va affrontato seriamente ma la cui soluzione non può essere il nazionalismo. Un tempo, quando si parlava di globalizzazione, ci si riferiva a un fenomeno unicamente economico. Non è più così. Oggi la globalizzazione - che ha causato la graduale cancellazione di interi settori industriali e, di conseguenza, la dispersione di comunità e modi di vivere a essi legati - significa anche perdita di identità. Il profondo disagio che ne deriva è sentito ovunque: è percepito dagli operai americani che hanno perso il lavoro nelle acciaierie della Rust Belt; dai tedeschi, che parlano nostalgicamente di Heimat, cioè di 'patria'; dagli agricoltori francesi, messi in crisi dalle multinazionali. A partire da questo disagio diffuso, molti partiti politici sovranisti hanno rivendicato la propria identità nazionale. Ma cosa succederebbe se si bloccasse il processo di globalizzazione?