Torna indietro

Il mondo che avrete

Il mondo che avrete
Ebook
con Adobe DRM
Editore:
Utet
Pubblicato:
13/10/2020
EAN-13
9788851184117

Descrizione

Non è solo il coronavirus a prendere dassedio le società umane: ci sono anche gli sconvolgimenti ambientali che il nostro progresso ha provocato. Gli antropologi Marco Aime, Adriano Favole e Francesco Remotti offrono il loro contributo critico per trovare vie duscite alla crisi attuale. Il lockdown è stato una forzata, lunga pausa, in cui per legge sono state sospese attività produttive, incontri sociali, manifestazioni culturali. Sospendere non è di certo unidea estranea alle società umane: per esempio, la vediamo teorizzata dagli scettici del mondo antico in contatto con lIndia, applicata nella cultura ebraica, praticata dai BaNande del Congo. La differenza è però notevole tra le sospensioni programmate, il cui scopo è di arrestare periodicamente le più importanti attività economiche, obbligando le società a ripartire da zero, e il nostro recente lockdown, unesperienza straniante e inattesa, del tutto estranea al nostro modo di pensare. Una parentesi che si vorrebbe chiudere definitivamente per riprendere il cammino interrotto, quel progresso infinito con cui la civiltà occidentale ha voluto segnare la sua storia e la sua presenza nel mondo. In questa situazione, che cosha da offrire il pensiero antropologico? Deve salire sul carro del progresso o, al contrario, lavorare contro laccecamento prodotto da questo mito? Lantropologia si fa portatrice di testimonianze spesso lontane nel tempo e nello spazio, in grado di mettere in luce le vie di fuga tracciate da ogni cultura, le sospensioni, anche traumatiche, con cui si pongono domande cruciali sul presente e sul futuro. Non è vero che le società da noi definite tradizionali e premoderne abbiano lo sguardo rivolto soltanto al passato: al contrario, non è raro trovare al loro interno un confronto esplicito tra generazioni allo scopo di garantire ai giovani un futuro vivibile. Dallosservazione partecipante del lockdown e dalle riflessioni sulla cultura dellAntropocene in cui siamo invischiati, emerge drammaticamente il furto di futuro, limpressionante debito economico ed ecologico che gettiamo sulle spalle delle nuove generazioni. Come venirne fuori, se non ideando un altro modo di vivere, una rivoluzione che abbia come obiettivo quello di rifondare la convivenza tra noi e gli altri abitanti della Terra, tra noi e la natura?