Torna indietro

Immaginare le storie. Atlante visuale per scrittrici e scrittori

Immaginare le storie. Atlante visuale per scrittrici e scrittori
24,70 -5%   26,00 

Ordina ora per riceverlo venerdì 10 febbraio. 

49 punti carta PAYBACK
Brossura:
192 Pagine
Editore:
Johan & Levi
Pubblicato:
14/10/2022
Isbn o codice id
9788860103246

Descrizione

Perché una storia si metta in moto a volte è sufficiente che una certa immagine compaia nella mente dello scrittore con un'insistenza ossessiva. Viceversa, a far inceppare la macchina narrativa basta una minima défaillance della capacità di escogitare personaggi e situazioni. Questo libro, pensato da una scrittrice e uno scrittore per altre scrittrici e altri scrittori, viene allora in soccorso a chi vuole potenziare la propria immaginazione cercando ispirazione nelle immagini prodotte dagli altri. Le opere d'arte - ma, allargando lo sguardo all'intero campo del visivo, anche l'architettura e il design, i fotogrammi e le pubblicità - non sono oggetti da contemplare passivamente. Sono immagini che ci interpellano, che ci coinvolgono, alle quali reagiamo con tutti i nostri sensi e i nostri pensieri, che contribuiscono a espandere quel corredo sensoriale che è il bagaglio minimo di ogni scrittore. Il quale, a differenza del critico d'arte, ha il vantaggio di potervisi accostare in modo spregiudicato ed estemporaneo, non già per decifrarle e commentarle ma per ricavarne ciò che hanno da offrire alla causa della scrittura. Forti della loro lunga pratica di insegnamento, Giulio Mozzi e Valentina Durante ci accolgono nella loro "bottega di narrazione" e ci guidano alla scoperta di come l'immaginario visuale possa diventare uno strumento eccezionalmente utile alla comprensione intuitiva di aspetti della narrazione quali il narratore, i dialoghi, la trama, lo stile, il montaggio. Del resto, se le opere d'arte sono fatte da persone che hanno dimostrato un certo talento nell'affrontare e risolvere dilemmi progettuali assai simili a quelli che affliggono chi è bloccato davanti al foglio bianco, imparare dai loro sguardi allenati è il migliore punto di partenza per costruire scene e intrecci più vividi e suggestivi, capaci di conquistare l'occhio interno del lettore.