Torna indietro

Italia e l'ascesa di Gheddafi. La cacciata degli italiani, le armi e il petrolio (1969-1974) (L')

Italia e l'ascesa di Gheddafi. La cacciata degli italiani, le armi e il petrolio (1969-1974) (L')
8,75 -50%   17,50 

Ordina ora per riceverlo mercoledì 21 aprile. 

18 punti carta PAYBACK
Brossura:
347 Pagine
Editore:
Dalai Editore
Pubblicato:
06/04/2009
Isbn o codice id
9788860734013

Descrizione

A soli 11 mesi dal golpe da lui capeggiato, il 21 luglio 1970 Muammar Gheddafi emanava una durissima legge contro gli italiani in Libia: confisca di tutti i beni ed espulsione dell'intera comunità residente. Gheddafi, allora uno sconosciuto colonnello ventisettenne, diveniva improvvisamente il liberatore dalla presenza coloniale italiana acquistando fama in patria e all'estero. La diplomazia e il governo italiano furono decisamente spiazzati: la richiesta mediazione di Nasser si rivelò un bluff perché non si compresero il doppio gioco e gli interessi egiziani; inoltre, seppur noto, fu sottovalutato il reale pericolo del nazionalismo libico. Oggi, per la prima volta, la consultazione della documentazione inedita degli archivi del ministero degli Esteri, integrata con le carte degli archivi inglesi e americani, ha permesso ad Arturo Varvelli di ricostruire minuziosamente quegli anni cruciali. E di raccontarci come Moro seppe riallacciare i rapporti con Tripoli, scartando le misure di ritorsione, sventando anche un golpe contro Gheddafi e puntando a compensazioni indirette in campo economico.