Torna indietro

La crisi «fin de siècle». I liberisti italiani e il modello britannico

La crisi «fin de siècle». I liberisti italiani e il modello britannico
15,20 -5%   16,00 

Ordina ora per riceverlo martedì 4 febbraio. 

30 punti carta PAYBACK
Libro:
224 Pagine
Editore:
Le Monnier
Pubblicato:
10/10/2019
Isbn o codice id
9788800749732

Descrizione

Sul finire dell'Ottocento nell'opinione colta italiana iniziò a dissolversi il convincimento di poter trapiantare nel nostro Paese il sistema politico-istituzionale britannico. Gli intellettuali, perlopiù economisti, che si riunirono attorno al «Giornale degli economisti», insieme a poche altre personalità come Luigi Einaudi e Giorgio Arcoleo, furono tra i pochi a ritenere praticabile tale esperimento e a proporlo come via d'uscita non autoritaria alla crisi di fine secolo. In tale battaglia politica, essi avrebbero veicolato un'immagine della Gran Bretagna che andava ormai scolorendo, cristallizzata nella stagione gladstoniana e ancorata a una visione minimale delle funzioni dello Stato. La non piena comprensione del progressivo avvicinamento del modello politico e amministrativo d'oltremanica a quello dei principali Paesi dell'Europa continentale costituì peraltro una felice circostanza nella misura in cui ebbe l'effetto di agevolare la difesa delle libertà statutarie.