Torna indietro

La separazione del maschio

La separazione del maschio
16,62 -5%   17,50 

Ordina ora per riceverlo lunedì 28 settembre. 

33 punti carta PAYBACK
Rilegato:
198 Pagine
Editore:
Einaudi
Pubblicato:
07/10/2008
Isbn o codice id
9788806193546

Descrizione

Ci sono libri destinati a ricoprire il mondo con una coltre di parole. Ce ne sono altri che sollevano l'angolo del tappeto per vedere quanta polvere c'è sotto. Il maschio che parla in questo romanzo è un poligamo recidivo e impenitente, ma anche un padre capace di tenerezza e di attenzione, un marito allegro e appassionato. Il sistema in apparenza è semplice, basta scomporre le giornate in segmenti, per cercare di vivere molteplici vite: frammenti di tempo, stie parallele, frazioni di felicità possibile. Per non parlare del sesso, che è un pensiero costante: un'ossessione e una consuetudine, un linguaggio, un modo per entrare in contatto con il mondo esterno. Piú ancora della seduzione e della conquista, piú dell'amore che in forme diverse è parte fondamentale di ciascuna relazione. Ascoltando il suo racconto ci ritroviamo a ridere, sorridere e pensare, e mentre inorridiamo delle sue malefatte siamo costretti a riconoscere quanta verità ci sia nelle sue parole. E' questo "La separazione del maschio", dunque: la speranza (vana?) di riuscire a tenere tutto insieme, di dare e prendere felicità e piacere eludendo - spudoratamente - il senso di colpa. Dove per maschio s'intende davvero, genericamente, il maschio di uomo all'apice dell'età riproduttiva. E per separazione s'intendono due cose: quella, letterale, dalla moglie, a cui sembra condurre fatalmente il percorso del romanzo; e quella, fisica e metaforica, che divide all'interno dello stesso uomo gli impulsi e i sentimenti. Per scoprire, amaramente, che la felice separazione è un'utopia, perché lo spirito non è all'altezza di tanto filosofico materialismo.