Torna indietro

Le bambine scomparse dell'Asia

Le bambine scomparse dell'Asia
16,05 -5%   16,90 

Ordina ora per riceverlo lunedì 6 giugno. 

32 punti carta PAYBACK
Brossura:
250 Pagine
Editore:
Curcio
Pubblicato:
06/12/2018
Isbn o codice id
9788868682866

Descrizione

Benché profondamente diverse nella genesi, nella struttura, nell'ordinamento, nella cultura e nelle vicende storiche che sono tanto causa quanto effetto dei tratti distintivi che le caratterizzano, le società cinese e indiana appaiono accomunate da una discutibile prerogativa: il ruolo di assoluta e intransigente subalternità storicamente assegnato alla donna. Relegate di volta in volta - in virtù di tradizioni ataviche e leggi scritte - nel ruolo di perfide e infide tentatrici o di esseri poco più che senzienti, adatti tutt'al più a servire devotamente il maschio padrone, fanciulle e bambine non sono mai state innalzate al pieno status di esseri umani, rimanendo confinate nel limbo della semplice proprietà, al pari degli oggetti e del bestiame. Poco hanno potuto le aperture di Mao e Nehru contro la discriminazione di genere, che, a partire dalla seconda metà del XX secolo, si è abbattuta con particolare e sistematica veemenza soprattutto su bimbe e neonate: alle «tradizionali» pratiche dell'infanticidio e dell'abbandono, tuttora largamente diffuse in entrambe le nazioni, si sono affiancati l'aborto selettivo e il lucroso - e spesso torbido - mercato delle adozioni internazionali. Cina e India presentano, infatti, un rapporto di genere tra i più bassi al mondo. La riabilitazione della figura femminile, la sua piena collocazione nella vita attiva della nazione, il completo riconoscimento della dignità e dei diritti, oltreché del significativo e insostituibile apporto al benessere del paese, costituiscono oggi una delle maggiori sfide che Cina e India sono chiamate a raccogliere. E, al fine della loro stessa sopravvivenza, a vincere.