Torna indietro

Le feste degli ebrei

Le feste degli ebrei
9,30 -50%   18,60 

Ordina ora per riceverlo lunedì 5 ottobre. 

19 punti carta PAYBACK
Rilegato:
350 Pagine
Editore:
Mondadori
Pubblicato:
01/01/2003
Isbn o codice id
9788804511656

Descrizione

Nell'antico tempio di Gerusalemme, prima dell'area interna dove erano ammessi solo gli ebrei, ve n'era una chiamata 'cortile dei gentili', dove potevano entrare anche i non ebrei. E' collocandosi idealmente lì che Harvey Cox, uno dei più noti teologi cristiani dei nostri giorni, ha scritto questo libro. Tutto è partito dall'incontro con una donna ebrea, Nina Tumarkin, docente universitaria di storia russa, divenuta sua moglie: "Il matrimonio mi ha catapultato in un intrico di zie, zii, nipoti e cugini, così che la maggior parte di quanto ho imparato sull'ebraismo non è venuta dai libri", fa sapere l'autore con una punta di legittimo orgoglio. "Come marito di una donna ebrea, mi sono fatto finora quindici anni di feste ebraiche, shabbat, riti, studi della Torah, musica klezmer, preghiere, riunioni di famiglia, barzellette, pettegolezzi e gefilte fish". L'ebraismo raccontato qui non è fatto di scritti e di concetti, ma di canti, odori, sapori, suoni, sentimenti. Più che con una religione, in questo libro ci si incontra con la vita, con il ritmo quotidiano degli ebrei e delle ebree osservanti. In questa prospettiva esistenziale, non dei dogmi ma delle feste, il lettore viene introdotto nell'anno liturgico ebraico, dove scopre il fascino di celebrazioni antichissime quali Yom Kippur e Rosh ha-Shanah, Purim e Pesach, nonché il rito nuziale, quello funebre, la festa per la maggiore età. Ma la particolare identità di Harvey Cox teologo cristiano fa sì che, oltre alla narrazione, si presentino confronti e contrasti, analogie e differenze, tra ebraismo e cristianesimo, e lo fa da un punto di vista così privilegiato che mette in luce ciò che alla gran parte dei rabbini, dei preti e dei ministri è destinato a restare necessariamente oscuro. Ne risulta un libro del tutto particolare, dove dottrina, liturgia e vita si intrecciano in modo originalissimo e l'inesauribile miniera di saggezza spirituale dell'ebraismo risalta in tutta la sua attualità.