Torna indietro

Lettere di guerra al cardinale di Bologna. Incursioni aeree, rastrellamenti, eccidi

Lettere di guerra al cardinale di Bologna. Incursioni aeree, rastrellamenti, eccidi
21,25 -15%   25,00 

Ordina ora per riceverlo lunedì 2 dicembre. 

42 punti carta PAYBACK
Brossura:
224 Pagine
Editore:
Il Pozzo Di Giacobbe
Pubblicato:
25/10/2019
Isbn o codice id
9788861247802

Descrizione

Nel periodo della seconda guerra mondiale - dal 10 giugno 1940 all'8 settembre 1943 - l'Italia ha vissuto, come buona parte delle nazioni, una tragedia immane: milioni di soldati mandati al massacro, vite spezzate per i disegni criminali di alcuni dittatori, devastazioni immotivate ed irreparabili. Ma per certi aspetti il dramma che si è consumato tra l'armistizio dell'8 settembre e la liberazione dai nazifascisti è stato più incisivo e penetrante nella memoria collettiva del popolo italiano: perché ha portato la guerra "in casa", dando la stura alla violenza vendicativa. "Il fronte" si è trasferito improvvisamente nel cortile di casa, sul sagrato della chiesa, sotto il portico del comune. Tutti, e non più solo i soldati, cominciarono a vivere nel terrore di essere assaliti e uccisi. Il volume di Alberto Mandreoli documenta in modo impressionante la situazione di quei due anni, nei quali l'Italia del Nord - e nello specifico il territorio del bolognese - visse questo dramma. Le fonti qui raccolte e commentate ruotano attorno alla figura del Cardinale Giovanni Battista Nasalli Rocca, al quale toccò di guidare l'arcidiocesi di Bologna nel difficilissimo trentennio 1921-1952: vivendo cioè per intero l'ascesa al potere e la dittatura di Mussolini, la seconda guerra mondiale, la Resistenza e la prima ricostruzione post-bellica. Un periodo di tensioni eccezionali ed inaudite rovine materiali e morali. Nasalli Rocca non amava i proclami e le prese di posizione dure, anche perché conosceva per esperienza di quali ritorsioni siano capaci gli aguzzini, verso i deboli, quando avvertono il fiato sul collo di altri "potenti". E il Cardinale sentiva certamente l'enorme peso morale del suo ruolo. A Nasalli Rocca deve essere riconosciuto il merito di essere rimasto a Bologna durante l'intero periodo della Resistenza; e non stette certo fermo. Le lettere testimoniano il suo costante interessamento per la sorte delle persone che si rivolgevano a lui, direttamente o indirettamente. Intercedeva presso le autorità civili, si interponeva a decisioni ingiuste, cercava i contatti che potessero salvare il maggior numero di vite possibili.