Torna indietro

Mafia debole mafie forti. Post-comunità, peccati strutturali e teologia morale «minima»

Mafia debole mafie forti. Post-comunità, peccati strutturali e teologia morale «minima»
18,00

Ordina ora per riceverlo lunedì 9 agosto. 

36 punti carta PAYBACK
Libro:
400 Pagine
Editore:
La Zisa
Pubblicato:
03/01/2018
Isbn o codice id
9788831990004

Descrizione

Esiste una connessione tra le mafie, intese come metodo criminale di arricchimento e di predazione umana, e la Chiesa? Può il popolo mafioso intrecciarsi al popolo di Dio? La delinquenza organizzata di tipo mafioso può essere trattata, quindi, come peccato e specificamente "peccato strutturale" nella sua essenza, se si considera che: «La prospettazione di un impalpabile peccato, "personale-strutturale", di stampo mafioso "individuale" [...] sembra, oltre che contraddittoria, in un discorso di coerenza teologico-morale, anche, praticamente non "conveniente", anzi sicuramente pericolosa per la stessa vita e incolumità del presunto-potenziale "mafioso solitario"»? Il presente volume, il secondo di una trilogia su teologia-Chiesa-mafie, tenta di rispondere a questi interrogativi. L'autore pone un approccio teologico-morale alle mafie, e, in particolare, alla 'ndrangheta calabrese.