Torna indietro

Meglio se taci. Censure, ipocrisie e bugie sulla libertà di parola in Italia

Meglio se taci. Censure, ipocrisie e bugie sulla libertà di parola in Italia
11,25 -25%   15,00 

Ordina ora per riceverlo mercoledì 9 dicembre. 

22 punti carta PAYBACK
Brossura:
159 Pagine
Editore:
Baldini & Castoldi
Pubblicato:
10/02/2015
Isbn o codice id
9788868527471

Descrizione

Siamo un Paese in cui per aprire un blog bisogna obbedire a una legge del 1948, altrimenti si rischia un processo penale; siamo un Paese in cui non puoi fare il giornalista se non hai la tessera dell'Ordine, ma per avere la tessera devi fare il giornalista. Siamo un Paese in cui un'autorità amministrativa può chiudere un sito web senza nemmeno passare da un giudice. Siamo un Paese insomma nel quale tutto sembra suggerire che "è meglio se taci". Lo scrivere, diffondere e fare informazione è disincentivato dalla paura dei processi, dalla minaccia di risarcimenti milionari, dalla confusione delle norme e dalla burocrazia. Nel loro viaggio, Gilioli e Scorza ci raccontano e spiegano questo paradosso attraverso casi concreti, vergognosi e grotteschi. Non solo per denunciarli, ma soprattutto per cambiare le cose. Nell'interesse della democrazia.