Torna indietro

Mistici italiani dell'età moderna

Mistici italiani dell'età moderna
76,00 -5%   80,00 

Ordina ora per riceverlo giovedì 26 maggio. 

152 punti carta PAYBACK
Rilegato:
703 Pagine
Editore:
Einaudi
Pubblicato:
01/01/2007
Isbn o codice id
9788806182205

Descrizione

Estasi, rapimenti, visioni, elevazioni che alterano e ispirano sono talvolta divenuti linguaggio, costituendo un patrimonio culturale che è stato studiato solo a tratti e non sempre con sistematicità. Piú conosciuta è la mistica medievale, assai meno quella fiorita nei primi secoli dell'età moderna. Questa antologia, frutto di una lunga ricerca, raccoglie i piú importanti testi mistici del Cinque e Seicento, molti dei quali per la prima volta riprodotti da stampe antiche. Come scrive Carlo Ossola nell'introduzione: "La mistica non è un territorio o un genere, ma un orizzonte creato da una molteplicità di punti di vista: è un'esperienza che "inonda" il corpo che la patisce; è una 'memoria' di testimoni, di confessori, di biografi, di quella "manifestazione" divina; è una via della teologia, breve, compendiaria, fatta di aspirazioni, afasie, orazioni giaculatorie, che "annulla" sé ma anche ogni distanza dal divino, che non ha gradi o misura: la mistica si definisce come "adhesio, copulatio, coniunctio"; è infine un dettato di poesia biblica, "cella vinaria" che riscrive il "Cantico dei Cantici", ma che - prima di arrivarvi - attraversa il deserto di "Giobbe", il pelago di "Giona", sale alla Gerusalemme dei "Salmi e dell'Apocalisse". Questo libro, per la prima volta rispetto ad altre antologie della mistica, distingue dunque i quattro "registri" sopra indicati (l'esperienza, la memoria, la teologia, la poesia) della parola mistica, i quali - sebbene indichino un'ideale parabola sull'asse temporale: un'esperienza che suscita memoriali, una teologia mistica che ordina a distanza quel deflusso senza argini, una poesia infine che riaccentra una parola in perdita di sé - non sono mai tuttavia altro che "registri", scavalcati dai "toni", riverberantisi l'uno sull'altro, partitura di un canto che brucia le note e rimane eco interna, memoria di un silenzio".