Torna indietro

Ne uccide più la parola. Lessici dell'odio e pratiche di reclusione

Ne uccide più la parola. Lessici dell'odio e pratiche di reclusione
16,15 -15%   19,00 

Ordina ora per riceverlo venerdì 23 agosto. 

32 punti carta PAYBACK
Brossura:
197 Pagine
Editore:
Ets
Pubblicato:
12/04/2018
Isbn o codice id
9788846751980

Descrizione

Icontributi raccolti nel volume rilanciano la riflessione sui Soggetti Imprevisti, quelli che, pur reclamando figurazioni inedite - così come le intende Braidotti - vengono deportati nel ridotto filosofico dell'essenzialismo e, da qui, spostati a forza nelle periferie identitarie. Di questi soggetti si indagano, in epoche e in aree geoculturali diverse, le strategie di (Resistenza messe in atto per sottrarsi alle deportazioni normative, e la loro esposizione allo baie speech, che ne decreta l'insignificanza. Che ci si interroghi sui lessici dell'odio o, invece, sulle pratiche di reclusione, emerge un dato incontrovertibile: ogni soggettività che ecceda, non solo per morfologia, i confini prescrittivi e omologanti sui quali l'ordine fonda ogni modalità di riconoscimento (nonché di rigetto), verrà semantizzata come subalterna, inferiore o abietta. Non è un caso che il volume si chiuda con pagine dedicate a Valerie Solanas.