Torna indietro

Nomen. Il nome proprio nella cultura romana

Nomen. Il nome proprio nella cultura romana
20,00

Ordina ora per riceverlo lunedì 20 luglio. 

40 punti carta PAYBACK
Brossura:
236 Pagine
Editore:
Il Mulino
Pubblicato:
08/02/2018
Isbn o codice id
9788815274366

Descrizione

Nel mondo romano la leva di un esercito iniziava sempre con soldati chiamati Valerius o Salvius perché considerati nomi di buon auspicio; i provvedimenti di damnatio memoriae comportavano il divieto per i discendenti del condannato di portare il suo medesimo prenome o ne privavano i figli anche viventi; i nomi geografici di cattivo auspicio, come Malevento o Epidamno, erano modificati in toponimi beneauguranti (Benevento) o almeno neutri (Durazzo), mentre alle nuove colonie si davano nomi che suggerissero abbondanza o potenza, come Florentia o Valentia. Un riserbo impenetrabile avvolgeva poi il nome segreto di Roma, che andava custodito per evitare che i nemici se ne appropriassero a danno della città. I nomi erano coinvolti insomma in un gran numero di pratiche culturali, delle quali dà conto questa indagine.