Torna indietro

Nuovi paesaggi. Storia e rinnovamento del giardino botanico in Italia

Nuovi paesaggi. Storia e rinnovamento del giardino botanico in Italia
11,00 -50%   22,00 

Ordina ora per riceverlo mercoledì 28 ottobre. 

22 punti carta PAYBACK
Illustrato:
222 Pagine
Editore:
Marsilio
Pubblicato:
01/01/2002
Isbn o codice id
9788831781732

Descrizione

Il giardino botanico ha un ruolo importante nella formazione del paesaggio. La storia dei territori italiani ed europei, a cui si riconoscono le valenze etiche ed estetiche proprie della lettura paesaggistica, risulta costantemente intessuta dalle vicende legate allo sviluppo delle scienze botaniche e dalle presenze vegetali che ne sono derivate. La nascita delle 'scuole di medicina' nel Medioevo e, in seguito, la diffusione dei vegetali tra sacralità, simbolismo e vita pratica, fino alla continua immissione di nuova flora ornamentale e alimentare proveniente dai viaggi e dalle spedizioni dei naturalisti nell'Evo moderno, hanno nei fatti attuato una trasformazione continua di giardini, paesaggi, territori agrari e boschivi, che manifesta una ricchezza di relazioni e riferimenti culturali e ambientali imprescindibili. Se il giardino botanico si palesa oggi con minor incisività quale luogo esclusivo di coltivazione e studio scientifico dei vegetali, occorre sottolineare come rappresenti il presidio fisico e culturale che ha contribuito alla preservazione della componente naturale nell'ambiente urbano e alla sedimentazione di un considerevole 'corpus' di beni scientifici e artistici rivolti allo studio della natura, ma soprattutto come esso si identifichi, attraverso l'architettura, nel luogo della sperimentazione dell'immagine del paesaggio occidentale tra natura e artificio. Luogo kantiano della "bella composizione dei prodotti della natura, basata sul gioco dell'immaginazione che contempla le forme ed espone idee mediante figure nello spazio", il giardino ha conservato i suoi presupposti di interprete tra l'individuo e la ricerca di un ambiente desiderato e migliore, adeguando nel tempo le espressioni di tale aspettativa. Le attuali attività di costruzione o di risarcimento del paesaggio e le riflessioni sulla qualità delle prerogative per la progettazione degli spazi aperti si rapportano, infatti, ancora all'idea del giardino: modello di riferimento in cui, ai requisiti formali e botanici, sommare considerazioni insediative e organizzative per la fruizione collettiva. Il rinnovamento del giardino botanico e delle sue tradizioni, aperto alle tematiche contemporanee della tutela dell'ambiente naturale, della costruzione del paesaggio, della valorizzazione delle sue valenze culturali e del coordinamento dei beni correlati, delinea i presupposti di un insieme di contributi e posizioni che hanno alimentato un processo multidisciplinare di studi, ricerche e progetti, di cui il convegno internazionale "Storia e rinnovamento del giardino botanico in Italia: nuovi paesaggi" (Milano, 18-19 aprile 2002) segna il momento di discussione e riflessione conclusiva.