Torna indietro

Oh, che splendore la mia vita!

Oh, che splendore la mia vita!
9,50 -50%   19,00 

Ordina ora per riceverlo venerdì 2 ottobre. 

19 punti carta PAYBACK
Brossura:
620 Pagine
Editore:
Mondadori
Pubblicato:
26/08/2008
Isbn o codice id
9788804566786

Descrizione

"In principio eravamo felici. Ed eravamo sempre eccessivi. Quindi, in principio eravamo felici all'eccesso." Così comincia il viaggio alla scoperta della vita incredibile e frenetica di Sean Wilsey, che si trova nella non facile situazione di essere il figlio unico della più strana, ricca e grandiosa delle famiglie. La mamma di Sean è una bionda atomica che tiene il salotto più pazzesco degli anni Settanta: per lei è del tutto normale avere come ospiti nel suo favoloso superattico di marmo e di vetro stelle del cinema e Pantere Nere che con le loro vicende ora scabrose, ora terribili, si contendono la ribalta. Il padre, tanto danaroso quanto enigmatico, non esita a portare il figlio in giro in elicottero su San Francisco per impartirgli alcune bizzarre lezioni di vita. Questo terzetto vive apparentemente felice come sospeso "a duecentocinquanta metri d'altezza nel cielo di San Francisco; in un appartamento in cima a un palazzo in cima a un'altura: pieno di luce e di voci, di finestre e d'acqua, di ponti e di colline". Ma quando Sean compie nove anni il suo mondo va in pezzi: il padre divorzia per sposare la migliore amica della moglie. La madre prima propone disinvoltamente al figlio di suicidarsi insieme a lei, poi decide che la cosa migliore da farsi è riempire le sue valigie Vuitton per cominciare un vorticoso giro del pianeta. Il suo obiettivo: la pace nel mondo. E così il giovane Sean si trova a incontrare in rapida successione personaggi come Indira Gandhi, Helmut Kohl, Menahem Begin e il papa, che la sua fantasia di ragazzino in crisi vorrebbe diventassero suoi amici, in grado di convincere il padre a ritornare con la madre. Invece la situazione continua a precipitare, finché, dopo aver abbandonato ben cinque scuole, Sean approda in Italia a un istituto molto particolare che è anche una comunità terapeutica, dove vive un'esperienza dalla quale uscirà trasformato. "Oh, che splendore la mia vita" è un caleidoscopico inseguirsi di luoghi, cose, persone, emozioni: sesso, Russia, elicotteri, skinhead, skateboard, guerra nucleare, masturbazione, solitudine e - come c'era da sperare - salvezza finale.