Torna indietro

Orazioni XVI-XXXIV. Frammenti. Testo greco a fronte

Orazioni XVI-XXXIV. Frammenti. Testo greco a fronte
12,35 -5%   13,00 

Ordina ora per riceverlo mercoledì 10 marzo. 

25 punti carta PAYBACK
Tascabile:
586 Pagine
Editore:
Bur Biblioteca Univ. Rizzoli
Pubblicato:
01/01/1995
Isbn o codice id
9788817170055

Descrizione

Nell'antica Atene, i processi non richiedevano giudici e avvocati professionisti. L'accusatore e l'accusato si confrontavano direttamente di fronte a una giuria popolare, il cui giudizio era dettato più dall'umore del momento che dagli articoli della legge. Chi non era in grado di pronunciare discorsi poteva rivolgersi ai cosiddetti logografi, professionisti della parola che scrivevano discorsi giudiziari dietro compenso. Lisia, che passò la giovinezza nell'ambiente di Socrate, fu senza dubbio il migliore tra i logografi del suo tempo. Nei suoi discorsi rivive la commedia umana degli ateniesi: risse, tradimenti, prepotenze, confische di beni. Enrico Medda, cui si devono anche l'introduzione e l'ampio apparato di note, ha raccolto in questo volume le ultime diciannove orazioni pervenuteci e tutti i frammenti.