Torna indietro

Persone perbene. Rettitudine e innocenza nel mondo postmoderno

Persone perbene. Rettitudine e innocenza nel mondo postmoderno
3,85 -30%   5,50 

Ordina ora per riceverlo venerdì 27 maggio. 

8 punti carta PAYBACK
Brossura:
48 Pagine
Editore:
Edb
Pubblicato:
21/10/2015
Isbn o codice id
9788810567159

Descrizione

Non ci sarebbe bisogno di leggi, di regole, di comandamenti, se non ci fossero uomini e donne disposti all'imbroglio, alla menzogna, al furto, al falso giuramento e all'omicidio. Eppure - sostiene Agnes Heller - fino a quando la capacità di distinguere il bene dal male prevale sugli altri princìpi, resta valido un punto centrale di riferimento morale. «Certamente ogni persona retta lo è in modo diverso, ciascuno a suo modo, ma l'uomo e la donna retta rimangono sempre colui o colei che preferirebbe, se fosse posto di fronte a una scelta, soffrire un'ingiustizia piuttosto che commetterla, subire un torto piuttosto che farlo di proposito a un altro». Tuttavia, la rettitudine non è immediatamente identificabile con la bontà o con la scelta della sofferenza come testimonianza morale. L'irreprensibilità di una persona retta è molto più modesta: essa sceglie di soffrire solo nel caso in cui l'unica alternativa alla sua sofferenza sia la causa indiretta della sofferenza altrui.