Torna indietro

Poema fisico e lustrale

Poema fisico e lustrale
28,50 -5%   30,00 

Ordina ora per riceverlo giovedì 16 dicembre. 

57 punti carta PAYBACK
Libro:
392 Pagine
Editore:
Mondadori
Pubblicato:
01/01/1975
Isbn o codice id
9788804122265

Descrizione

Il nostro secolo ci ha abituato alle scoperte archeologiche: civiltà di cui si era smarrita ogni traccia balzano all'improvviso nella storia e ci parlano con le loro opere d'arte e le loro lingue, come se avessero sempre vissuto con noi. Questo libro è, anch'esso, un'avventura archeologica. Di Empedocle ci restavano centinaia di minutissimi frammenti e testimonianze, sparsi in testi classici e cristiani. Lavorando con un'eccezionale fantasia ed acume di filologo, Carlo Gallavotti è riuscito a legare molti fra questi frammenti e a ricostruire alcuni grandi brani di poesia, come un restauratore ritrova la forma di un vaso minoico o ionico incollando pazientemente le centinaia di cocci che lo scavatore ha ritrovato nella terra. Uno straordinario poeta-filosofo è così ritornato alla luce. Nato ad Agrigento nel quinto secolo, medico, filosofo, scienziato e poeta, Empedocle ci racconta come si è formato il mondo; ci spiega le diverse combinazioni dei suoi elementi: il gioco invincibile della Concordia e dell'Astio: come le cose divengano restando eternamente le stesse; e come, sopra tutte le cose, splenda - pacifico e illimitato - "lo sfero circolare che gode della propria unicità". Ci insegna come nascano gli uomini e le donne: come respiriamo e sentiamo: descrive i corpi eterei che s'immergono nella candida luce, la pioggia, le balene, i buccini pietrosi e le testuggini, le chiome pungenti dei ricci. Infine ci rivela il mistero della palingenesi: quanti di noi siano stati una volta virgulti, pesci, leoni, alberi, ragazze, e come qualcuno tra noi possa diventare un veggente, e cogliere col suo occhio interiore tutte le cose che esistono. Edizione con testo a fronte.