Torna indietro

Ragione(ria) della quarta rivoluzione industriale. Asimmetrie e spossessamento nella rete

Ragione(ria) della quarta rivoluzione industriale. Asimmetrie e spossessamento nella rete
17,10 -5%   18,00 

Ordina ora per riceverlo mercoledì 27 gennaio. 

34 punti carta PAYBACK
Brossura:
236 Pagine
Editore:
Capponi Editore
Pubblicato:
23/01/2020
Isbn o codice id
9788832074307

Descrizione

Il saggio propone spunti provocatori per l'interpretazione di effetti socio-economici dovuti all'attuale IV rivoluzione industriale, incentrati sullo spossessamento e le asimmetrie cui sono soggetti gli utenti della rete. Per questo fine si fa ricorso agli strumenti della ragioneria, ovvero a una metodologia caratterizzata da un'ordinata capacità descrittiva, interpretativa e predittiva, infatti: "in itinere" rileva accadimenti economici; a consuntivo dà evidenza alla realtà dei fenomeni misurati; in sede di "budget" propone la modifica di "trend". Il resoconto di ciò che sta accadendo nella rete è condotto non con la pretesa che si possa offrire una visione e una contabilità alternativa, o sostitutiva, alla prevalente narrazione, ma allo scopo di rilevare aspetti che possano stimolare la riflessione. Per questo fine si fa ricorso a un approccio euristico e a suggestioni, che permettono di confrontarsi con l'intelligenza artificiale che si pone in competizione con la mente umana in molti ambiti di espressione delle abilità cognitive. In aderenza ai dettami ragionieristici è proposta una descrizione critica di possibili nuovi paradigmi, riportati in un immaginario libro degli inventari, e un'ipotesi di Relazione sulla gestione incentrata sugli effetti della rivoluzione in atto sugli stakeholder, i consumatori, il contesto sociale, i lavoratori, etc. Segue l'ipotesi di registrazioni contabili, immaginando di isolare due aggregati: gli utenti della rete e le piattaforme che operano su internet. A tale scopo sono rilevate le modalità con cui avvengono le transazioni in internet, ossia mediante la cessione di dati personali dagli utenti della rete alle piattaforme, a fronte dell'ottenimento di servizi informativi definiti, in buona parte, dalle stesse piattaforme. Sono quindi esposte ipotesi di conti economici e di stati patrimoniali, per mostrare i flussi di valore realizzati oppure le perdite sostenute, e i saldi di ricchezza conseguiti oppure espropriati, con riguardo agli utenti della rete e alle piattaforme che operano su internet. Infine, sono riportate alcune utopistiche ipotesi di interventi miranti a mitigare disagi e disuguaglianze dovuti alla rivoluzione industriale in atto.