Torna indietro

Regressione suicida dell'abbandono disperato di Emil Cioran e Manlio Sgalambro

Regressione suicida dell'abbandono disperato di Emil Cioran e Manlio Sgalambro
11,92 -25%   15,90 

Ordina ora per riceverlo giovedì 25 ottobre. 

24 punti carta PAYBACK
Brossura:
206 Pagine
Editore:
Bonfirraro
Pubblicato:
01/10/2016
Isbn o codice id
9788862721370

Descrizione

Questo libro, chiude la tetralogia della nuova tesi filosofica del nichilismo cognitivo, di cui Salvatore Massimo Fazio è fondatore. Una totale sconfitta ricavata dalla perdita di qualsivoglia valore. Una resa che nel paradosso faziano punta ad umiliare i guitti, che nel teatro della politica sociale sono riusciti ad ingannare qualunque padre di famiglia, facendosi garantire il voto di fedeltà per poi, ottenuti i propri successi, si sono rivoltati come disconoscitori della società. Partendo dalla sineité in Cioran e procedendo col terrore in Sgalambro, nelle pagine di questo libro, si effettua una seduta chirurgica, volta a sezionare la stupidità dell'uomo per ricompattarla, trasformandola in un'unica azione possibile: regredire nel concetto di suicidio. Si intenda bene, un suicidio che è una retroazione sino ad arrivare al momento della venuta al mondo, ripartendo con l'esperienza del ricordo, rammemorazione, per poi agire senza più altre riflessioni e scandalose umiliazioni subite: puntare alla coscienza, risvegliarla e spedire al diavolo chi osa governarci e insultarci.