Torna indietro

Scatti di memoria. Dispositivi fototestuali e scritture del sé

Scatti di memoria. Dispositivi fototestuali e scritture del sé
13,30 -5%   14,00 

Ordina ora per riceverlo mercoledì 28 aprile. 

27 punti carta PAYBACK
Brossura:
226 Pagine
Editore:
Metauro
Pubblicato:
04/07/2020
Isbn o codice id
9788861561700

Descrizione

Scritti tra il 1992 e il 2011, "Le Voile noir" di Anny Duperey, "Reliques" di Henry Raczymow, "Mes bureaux" di Jean-Philippe Toussaint, "Y penser sans cesse" di Marie NDiaye non coprono certo l'intera gamma di interferenze che la fotografia può produrre quando è coniugata alla scrittura. Attestano tuttavia le principali modalità attraverso le quali il dispositivo fotoletterario modella e ridefinisce le scritture del sé e, più in generale, le forme dell'immaginario francese contemporaneo, che spesso ricorre ad altri codici espressivi per rivitalizzare generi e contenuti. In modo diverso le quattro opere ci trasmettono la necessità del soggetto di cercarsi (senza necessariamente ritrovarsi) attraverso la fotografia quale forma di mediazione, e di raccontarsi attraverso la scrittura. Ci narrano altresì la posizione del soggetto nel mondo, il suo sguardo sull'immagine e sulla letteratura.