Torna indietro

Spiagge di lusso. Antisemitismo e razzismo in camicia nera nel territorio riminese

Spiagge di lusso. Antisemitismo e razzismo in camicia nera nel territorio riminese
14,25 -5%   15,00 

Ordina ora per riceverlo lunedì 5 settembre. 

28 punti carta PAYBACK
Brossura:
290 Pagine
Editore:
Panozzo
Pubblicato:
13/01/2022
Isbn o codice id
9788874724338

Descrizione

Una legge promulgata nel dicembre del '37 definisce "lesiva del prestigio di razza" la relazione tra italiani e "sudditi" delle colonie africane. Nel giro di un anno, il Governo fascista delibera pure che i cittadini ebrei non appartengono alla razza italiana. La mala pianta del pregiudizio razziale e della pretesa superiorità "ariana", si diffonde a macchia d'olio nel Paese e si radica anche in territorio riminese, mettendo a dura prova la vocazione cosmopolita della riviera. I provvedimenti razzisti sconvolgono l'esistenza dei residenti italiani e stranieri di religione ebraica e di correligionari in cerca di un rifugio dalla persecuzione, braccati fino all'ultimo giorno con singolare accanimento dalle autorità e dalle forze di polizia negli anni di per sé drammatici della guerra. All'epoca le località balneari, come pure quelle montane e termali, erano inserite in una graduatoria di qualità, al fine di escludere dalle sedi definite di lusso i clienti di religione ebraica, soggetti comunque a limitazioni e al rilascio di appositi permessi.