Torna indietro

Spiare e tradire. Dietro le quinte della Guerra fredda

Spiare e tradire. Dietro le quinte della Guerra fredda
16,15 -5%   17,00 

Ordina ora per riceverlo lunedì 5 ottobre. 

32 punti carta PAYBACK
Brossura:
254 Pagine
Editore:
Feltrinelli
Pubblicato:
17/02/2011
Isbn o codice id
9788807111099

Descrizione

Nel secondo dopoguerra e durante la guerra fredda, la paura della bomba atomica e l'isteria anticomunista americana sono acuite dalle rivelazioni sull'esistenza di reti di spionaggio e di reciproci tradimenti, in Usa e Urss. Il libro di Deery e Del Pero narra di alcuni casi celebri di spie dell'epoca, ne svela le motivazioni ideologiche, e descrive le conseguenze delle loro azioni, intrecciando le vicende individuali con la storia delle relazioni internazionali, dell'intelligence e con quella politico-culturale dei paesi coinvolti. Tra le spie che tradirono le rispettive patrie vi sono: Kim Philby e il "gruppo di Cambridge", studenti universitari assoldati dall'Urss fin dall'inizio degli anni trenta; Igor Gouzenko, responsabile dei cifrari all'ambasciata sovietica di Ottawa, che fece scoprire la rete di agenti sovietici in Nordamerica; Alger Hiss, diplomatico Usa incriminato per spionaggio, la cui storia divise l'America a fine anni quaranta; Klaus Fuchs, lo scienziato britannico di origine tedesca che passò all'Urss informazioni sul progetto Manhattan; i coniugi Rosenberg, giustiziati come agenti dell'Urss sulla sedia elettrica, per i quali si mobilitò l'opinione pubblica mondiale; Vladimir Petrov, agente del Kgb all'ambasciata sovietica di Canberra, che diede informazioni cruciali all'intelligence britannica e statunitense; Aldrich Ames, agente della Cia, che negli anni ottanta informò i servizi sovietici, mosso solo da interessi economici.