Torna indietro

Super Robot Files 1982-2018. L'età d'oro dei robot giapponesi nella storia degli anime e del collezionismo

Super Robot Files 1982-2018. L'età d'oro dei robot giapponesi nella storia degli anime e del collezionismo
25,65 -5%   27,00 

Ordina ora per riceverlo martedì 28 aprile. 

51 punti carta PAYBACK
Brossura:
300 Pagine
Editore:
Edizioni Bd
Pubblicato:
06/12/2018
Isbn o codice id
9788832756432

Descrizione

Con questo volume si conclude un percorso di ricerca e analisi che, a partire dalla pubblicazione di Super Robot Files-1963/1978 nel 2014, ha tracciato le linee guida della storia dei Super Robot dell'animazione giapponese, guadagnandosi la menzione di unica enciclopedia in una lingua occidentale dedicata a tale tematica. Super Robot Files-1982/2018, aprendo con il fenomeno mediatico Chojiku Yosai Macross, giunto in Italia nella forma americanizzata di Robotech, si concentra innanzitutto su due anni particolarmente intensi a livello produttivo, un periodo che vede nel 1984 l'anno nel quale la parabola or storica dei giganti d'acciaio incontra una graduale quanto inevitabile flessione, nonostante la presenza di serie innovative come Seisenshi Dunbine e Soko Kihei Votoms, opere che declinano il mecha nel fantasy e nell'iperrealismo. Seppur lentamente, l'evoluzione dei Super Robot continua, generando opere memorabili e mature, qui trattate come un epilogo che affronta i migliori titoli prodotti a partire dal 1985 sino al 2018, includendo i fondamentali Shin Seiki Evangelion, Kido Keisatsu Patlabor, Code Geass: Hangyaku no Lelouch, Sidonia no Kishi, oltre che la ludica Yusha Series e l'epopea dei Transformers, tutti eredi di un passato glorioso che ha segnato in maniera indelebile non solo la storia degli anime, ma l'intera narrazione fantascientifica. Trait d'union tra la "Goldrake Generation" e i fan del nuovo millennio, Super Robot Files-1982/2018 vi accompagnerà in un viaggio alla scoperta di capolavori a volte noti, a volte del tutto inediti nel nostro Paese, chiudendo un cerchio di creatività unico nel suo genere. Prefazione a cura di Jacopo Costa Buranelli.