Torna indietro

'Tis Pity she's a whore. Il teatro di John Ford e la fortuna di una tragedia crudele

'Tis Pity she's a whore. Il teatro di John Ford e la fortuna di una tragedia crudele
31,34 -5%   32,99 

Ordina ora per riceverlo venerdì 12 agosto. 

63 punti carta PAYBACK
Brossura:
168 Pagine
Editore:
Cue Press
Pubblicato:
15/12/2017
Isbn o codice id
9788899737511

Descrizione

Pubblicata per la prima volta a Londra nel 1633, 'Tis Pity She's a Whore [Peccato che fosse puttana] di John Ford è opera eccessiva e sanguinosa, per molti aspetti emblematica di un'epoca, il primo Seicento inglese, instabile e attraversata da forze destinate a lacerare il tessuto socio-politico della nazione, fino all'atto estremo, la decapitazione del Re. A lungo dimenticata, 'Tis Pity con le sue ombre e i suoi bagliori è tornata ad avere voce in epoca contemporanea, attirando l'attenzione di importanti drammaturghi, registi e scrittori: da Maeterlinck, con la sua lettura simbolista, al teatro della crudeltà di Artaud, alle messe in scena di Visconti e Ronconi, fino a Sarah Kane e allo In-Yer-Face Theatre, passando per l'originale riscrittura proposta da Angela Carter in forma di short story. Il presente volume propone un'analisi sfaccettata della drammaturgia di Ford e del suo capolavoro, osservati in primo luogo all'interno del contesto culturale e sociale che li vide fiorire, con l'obiettivo di cogliere i segni e far emergere le ragioni di quella rinnovata fortuna che, a partire dalla fine dell'Ottocento, ha attraversato l'intera Europa, mescolando ancora una volta il linguaggio dell'eros e quello dell'ansia, l'elogio della bellezza e quello della follia.