Torna indietro

Trans Europa Express

Trans Europa Express
17,10 -5%   18,00 

Ordina ora per riceverlo lunedì 27 settembre. 

34 punti carta PAYBACK
Brossura:
231 Pagine
Editore:
Feltrinelli
Pubblicato:
24/10/2012
Isbn o codice id
9788807019272

Descrizione

2008. Seimila chilometri a zigzag da Rovaniemi (Finlandia) a Odessa (Ucraina). Un percorso che sembra tagliare, strappare l'Europa occidentale da quella orientale. E una strada, quella di Rumiz, che tra acque e foreste, e sentori di abbandono, si snoda tra gloriosi fantasmi industriali, villaggi vivi e villaggi morti. Rumiz accompagna il lettore, con una voce profonda, ricca di intonazioni, per paesaggi inediti, segreti, struggenti di bellezza. E più avanza, più ha la sensazione di non trovarsi su qualche sperduto confine ma precisamente al centro, nel cuore stesso dell'Europa. Attraversa dogane, recinzioni metalliche, barriere con tanto di torrette di guardia, vive attese interminabili e affronta severissimi controlli, ma come sempre conosce anche la generosità degli uomini e delle donne che incontra sul suo cammino: un pescatore di granchi giganti, prosperose venditrici di mirtilli, un prete che ha combattuto nelle forze speciali in Cecenia. Siamo di fronte a un libro raro, dettato da una scrittura che magnifica il viaggiare e la conoscenza del mondo, di quel mondo, attraverso il viaggiare.

La nostra recensione

Trentatré giorni, dieci nazioni attraversate, 6000 km percorsi a piedi, in autobus, in treno, in autostop, su battelli fluviali, uno zaino di appena sei chili alleggerito di tutto il superfluo e poi sette taccuini fitti di annotazioni e disegni da cui è nato Trans Europa Express. Un viaggio verticale da Nord a Sud lungo una frontiera immaginaria dove si concentrano e intrecciano lingue, culture, tradizioni e religioni; attraverso regioni cancellate dalla burocrazia geopolitica ma vive e pulsanti e dai nomi incantevoli: Botnia, Carelia, Livonia, Curlandia, Latgalia, Masuria. Paolo Rumiz si tuffa anima e corpo - esperienza totale come deve essere ogni reseconto di viaggio - lungo questa direttrice inconsueta e fa incontri mai banali e scontati: non personalità ma gente comune, non nomi ma volti su cui leggere la storia, recente e passata, del cuore pulsante dell'Europa, la 'pancia', la vera anima del continente. Tracciati su quei volti ci sono vite e paesaggi, avventure e memorie, emozioni, sensazioni e profumi che Rumiz registra non senza difficoltà. Però, imprevisti e difficoltà sono il sale del racconto perché rimescolano le carte, provocano incontri spontanei e costringono a spremere energie e attenzione, spingono il tempo più in là, rendono umili e liberano le parole. Ne esce così una narrazione ombreggiata, con lampi di luce, spruzzata di tenerezza e malinconia, impregnata di intonazioni delicate o improvvisamente potenti. Questo 'narrabondo' - come egli stesso si definisce - sa veramente viaggiare e raccontare, facendo sempre sentire i suoi lettori come partecipi compagni di viaggio.
Antonio Strepparola