Torna indietro

Urget unda flammam. Il significato battesimale del cero pasquale

Urget unda flammam. Il significato battesimale del cero pasquale
31,35 -5%   33,00 

Ordina ora per riceverlo martedì 13 settembre. 

63 punti carta PAYBACK
Brossura:
268 Pagine
Editore:
Clv
Pubblicato:
17/04/2020
Isbn o codice id
9788873672548

Descrizione

Lo scopo di questa ricerca è quello di proporre una nuova ipotesi sull'origine del cero pasquale e il suo legame con il battesimo. L'uso del cero sorse nell'Italia settentrionale verso la fine del IV secolo, in un contesto ariano, e fu accolto a Roma, ma non nella liturgia papale, in concomitanza con la condanna del Pelagianesimo. Il punto di partenza dell'indagine è la colonna di porfido, che l'imperatore Costantino fece collocare nel centro della vasca nel battistero lateranense, elemento architettonico che sembra aver ispirato l'immersione del cero nel fonte. Questo rito vuole significare la discesa della grazia santificante sull'acqua per la rigenerazione dei neofiti. In alcune antiche tradizioni liturgiche, il legame tra il cero pasquale e il fonte battesimale venne reso più esplicito collocando la benedizione del cero dopo le letture e prima della benedizione del fonte. Nella liturgia romana, questo lega-me si allentò gradualmente, quando si cominciò a celebrare la veglia pasquale senza i sacramenti dell'iniziazione cristiana. Recuperare l'intimo legame tra il cero e il fonte serve a render più esplicita l'altissima vocazione che i cristiani ricevono nel battesimo: diventare, per grazia, partecipi della vita divina (cf. 2 Pt 1,4).