Torna indietro

Vaga lingua strana. Dai versi tradotti

Vaga lingua strana. Dai versi tradotti
23,75 -5%   25,00 

Ordina ora per riceverlo lunedì 30 maggio. 

48 punti carta PAYBACK
Rilegato:
389 Pagine
Editore:
Garzanti Libri
Pubblicato:
01/01/2003
Isbn o codice id
9788811637547

Descrizione

Tradurre, per Giovanni Giudici, significa inoltrarsi in un territorio sconosciuto, conquistare quella poesia e con essa qualche lacerto della lingua "estranea" in cui è scritta. In "Vaga lingua strana" lo stesso poeta ha raccolto un'ampia scelta delle sue traduzioni da Tommaso d'Aquino, Milton, Coleridge, Dickinson, Pound, Eliot, Plath e altri.