Torna indietro

Gli animali martiri, i loro protettori e la fisiologia

Gli animali martiri, i loro protettori e la fisiologia
18,64 -5%   19,63 

Ordina ora per riceverlo venerdì 1 ottobre. 

37 punti carta PAYBACK
Libro:
176 Pagine
Editore:
Giunti Editore
Pubblicato:
01/01/1996
Isbn o codice id
9788809210950

Descrizione

Gli scritti raccolti nel presente volume sono nati nel corso delle polemiche fiorentine sulla vivisezione nelle quali furono coinvolti Moritz Schiff e il suo allievo e assistente Alessandro Herzen (figlio del noto populista russo esule in vari paesi europei). Fu nel corso della prima polemica (1863-1864) che lo Schiff scrisse il saggio "Sopra il metodo seguito negli esperimenti sugli animali" (che viene pubblicato in appendice al presente volume). Durante la seconda polemica (1873-1874), che prese l'avvio da una denuncia per rumori molesti nei confronti dello stesso Schiff (pare che la quiete di alcune nobili famiglie fosse disturbata dalle urla 'strazianti' degli animali 'torturati' nel vicino laboratorio), Herzen pubblicò "Gli animali martiri, i loro protettori, e la fisiologia", un'operetta ironica, costruita con una certa sapienza letteraria. L'autore, infatti, dopo che la denuncia era stata ritirata, immagina che si celebri un processo dinanzi alla Corte del Tribunale civile della Ragione.
Qui l'avvocato dello Schiff (Arrabbiato Degli Intransigenti) pronuncia la propria arringa difensiva illustrando dapprima il triste destino degli animali 'martiri' del sostentamento, comodo, del lusso, della ghiottoneria, dell'ignoranza, del capriccio, della ferocia, della vanagloria, del divertimento dell'uomo e poi le 'sofferenze' degli animali 'martiri' della scienza. Seguono due sezioni di documenti (testo della denuncia, articoli di giornali, dichiarazioni dei contendenti, ecc.) relativi alle due polemiche sopra ricordate.
Se il saggio dello Schiff rappresenta un importante contributo allo sviluppo della fisiologia sperimentale nell'Italia del secondo Ottocento, lo scritto di Herzen è la dimostrazione dello stretto legame tra lo sviluppo scientifico, la riflessione etica e il più ampio contesto storico-culturale.