Torna indietro

La bibliotecaria. La vera storia di Marta la tarma

La bibliotecaria. La vera storia di Marta la tarma
9,80 -30%   14,00 

Ordina ora per riceverlo martedì 29 giugno. 

20 punti carta PAYBACK
Brossura:
192 Pagine
Editore:
Fanucci
Pubblicato:
01/07/2008
Isbn o codice id
9788834714423

Descrizione

Marta è una tarma che divora libri, si ciba di cultura e vive a Napoli nella libreria di Claudio, il Leggilibri. È curiosa, sensibile, profonda e ama giocare con la fantasia immaginando un mondo tutto suo dove ogni cosa è un sogno. E così, tra un Piccolo principe narrato nelle Cronache marziane e Moby Dick che adora nuotare in un Oceano mare sotto una Eva luna alta nel cielo, si ritrova a volare Sulle ali delle Aquile sotto lo sguardo indagatore di Sherlock Holmes. Ma a un tratto il sogno svanisce e Marta è costretta ad affrontare il mondo esterno e a cominciare così un Viaggio al termine della notte, dove incontrerà la madre perduta e scoprirà il sapore amaro della vita. Un romanzo che parla di ecologia, cultura, storia e Napoli, una travolgente avventura in un mondo di insetti. Una storia di emozioni che vivono e animano i cuori di noi umani, come i libri ci hanno sempre insegnato.

La nostra recensione

"Sono una tarma, e divoro libri. Non disdegno né quelli antichi né quelli moderni, tanto meno mi interessa ciò che dicono gli entomologi, tronfi nel credere di sapere tutto sulla vita degli insetti. 'Le farfalline mangiano tessuti', o affermazioni del genere, sono favole scientifiche. Io mi nutro di cultura". Con queste prime righe inizia l'avventura di Marta, una piccola tarma che, vivendo solitaria tra i tomi di una vecchia libreria, si nutre di pagine e copertine, ma soprattutto della conoscenza che racchiudono. Marta non è una tarma come le altre: è un'avventuriera che ha avuto il coraggio di allontanarsi dal suo gruppo, rintanato in un vecchio pianoforte, per trovare il suo luogo ideale in mezzo alla cultura di vecchi e nuovi libri. E forse è proprio a causa del suo spirito coraggioso che il susseguirsi degli eventi la mettono ancora alla prova, portandola, in seguito ad un duro scontro con il Leggilibri (il proprietario di casa), fuori dall'appartamento nel centro di Napoli in cui ha sempre vissuto. In questo modo Marta ha l'opportunità di scoprire il mondo esterno, così grande e vario, tutto da capire. Conosce Cecilia, una tarma colta come lei, ma che ha scelto di non mangiare più i libri per permettere a tutti di leggerli interamente. Poi scopre le vie di Napoli, incontra persone, insetti ribelli che lottano contro l'eterno nemico uomo. E capirà che il mondo è tutt'altro che perfetto e l'unica ricetta per salvarlo veramente è la diffusione della cultura, scritta in quelle pagine in cui ha vissuto e che ha imparato a rispettare smettendo di divorarle. Apparentemente leggero e spensierato, il romanzo breve di Ciccarone nasconde in maniera originale profonde riflessioni su temi importanti come l'ecologia, l'amore, la cultura, la nostra stessa storia. Piccola curiosità: c'è ancora polemica con lo scrittore Sam Savage, accusato di plagio per il suo Firmino, romanzo di maggior successo dalle molteplici analogie, edito in Italia da Einaudi. - Tiziano Gagliardo -