Torna indietro

Nella «climatizzazione» estiva degli edifici la causa antropica dei «cambiamenti climatici». Se si spende energia per «raffrescare» l'aria negli edifici l'atmosfera su terraferma si disidrata e si riscalda mentre l'idrosfera si allaga e la salinità diminuisce!

Nella «climatizzazione» estiva degli edifici la causa antropica dei «cambiamenti climatici». Se si spende energia per «raffrescare» l'aria negli edifici l'atmosfera su terraferma si disidrata e si riscalda mentre l'idrosfera si allaga e la salinità diminuisce!
8,50 -15%   10,00 

Ordina ora per riceverlo giovedì 28 novembre. 

17 punti carta PAYBACK
Brossura:
46 Pagine
Editore:
Tassinari
Pubblicato:
14/05/2019
Isbn o codice id
9788899285647

Descrizione

L'unità di climatizzazione estiva di un locale usa energia elettrica per lo scopo di raffrescarvi l'aria, secondo un principio di funzionamento che, nell'ambiente esterno al locale, altera il modo naturale nel quale la massa e l'entalpia dell'acqua atmosferica si distribuiscono tra atmosfera e idrosfera. Infatti, per mezzo dell'energia elettrica, il locale raffrescato cattura vapor acqueo atmosferico, ne dissocia la condensa dall'entalpia di vaporizzazione, indi, in atmosfera immette il calore di vaporizzazione e, in idrosfera, drena la condensa e la negativa differenza tra i prodotti della massa di condensa per le entalpie specifiche del vapore in uscita ed in ingresso nell'edificio. I numeri sono questi. Nell'esercizio estivo, un climatizzatore, che abbia potenza nominale 5 kW, genera almeno 2,5 l/h di condensa. Condensa che, da una stanza di un edificio, è drenata in idrosfera, ma proviene dell'aver estratto, dall'atmosfera, 2,5 kg/h di vapor acqueo! Nell'anno 2016, la potenza nominale globale della climatizzazione estiva degli edifici era 11673 GW. Pertanto, secondo il rapporto di proporzionalità [(2,5 l/h) /(5 kW)], ragionevolmente si deduce che...