Torna indietro

Il colore della Repubblica. «Figli della guerra» e razzismo nell'Italia postfascista

Il colore della Repubblica. «Figli della guerra» e razzismo nell'Italia postfascista
25,65 -5%   27,00 

Ordina ora per riceverlo giovedì 21 ottobre. 

51 punti carta PAYBACK
Rilegato:
240 Pagine
Editore:
Einaudi
Pubblicato:
07/09/2021
Isbn o codice id
9788806247904

Descrizione

Indesiderati, abbandonati, nascosti: questa è stata l'esperienza di tanti bambini nati nella Penisola da relazioni «miste» nell'immediato dopoguerra. Nell'Italia repubblicana e democratica, il razzismo non era dunque scomparso. I «figli della guerra» sono i bambini nati da relazioni tra soldati non bianchi e donne italiane alla fine della seconda guerra mondiale. Varie istituzioni, ma anche la gente comune, esibirono fin da subito persistenti vedute e atteggiamenti razzisti nei confronti di questi bambini. I «mulattini», come venivano chiamati in quel periodo, sono l'esempio lampante di come l'Italia democratica si sia sempre percepita bianca, differenziandosi senza dichiararlo apertamente, da chi aveva la pelle di un altro colore. Silvana Patriarca, in questo libro importante, racconta la vicenda di questi bambini, sottolineando l'eredità di fascismo e colonialismo.